Home / Parlano di noi / Un’insegnante, uno studente e “Proibito dormire”

Un’insegnante, uno studente e “Proibito dormire”

Un’insegnante, uno studente e “Proibito dormire”

Domenica scorsa si è conclusa l’ottava edizione di “Una Marina di Libri”, il festival palermitano dell’editoria indipendente, nella splendida cornice dell’Orto Botanico. In una kermesse di appuntamenti senza sosta, tra le piante secolari della location, gli stand di ben novanta editori.
Una particolare attenzione, quest’anno, è stata dedicata al mondo del fumetto, tra presentazioni di libri (Zap Edizioni ha partecipato con il nuovo volume della collana “Sottosopra” coprodotto con la Scuola del Fumetto di Palermo, dal titolo “Matt-Oltre noi”, di Mauro Mandalari e Arianna Calabretta) e dibattiti a tema tra professionisti.

Uno dei momenti che sicuramente non dimenticheremo, però, è stato l’incontro con una professoressa delle scuole secondarie di I grado che si è avvicinata al nostro stand fissando il libro di Chiara Cernigliaro, “Proibito dormire” e raccontando, in seguito, di avere un alunno che, per un compito in classe in cui veniva richiesto di recensire un libro, aveva scelto proprio questo fumetto.

Abbiamo deciso di pubblicare il testo perché troviamo forza nel vedere che i messaggi che vogliamo lanciare arrivino in modo così diretto, puntuale, seppur velati dalla “leggerezza” dei disegni. Non è forse questo uno dei ruoli principali del fumetto?

P.S. Il giorno dopo, il giovane lettore, insieme alla professoressa, ha incontrato l’autrice e ha assistito, con entusiasta partecipazione, alla presentazione del nuovo fumetto: adesso non possiamo che aspettare una sua nuova recensione!

 

“Proibito Dormire”: un capolavoro tutto siciliano

 

Oggi vi parlerò del fumetto intitolato “Proibito Dormire”, ideato da Chiara Cernigliaro, una giovane talentuosa siciliana.

Chiara Cernigliaro è nata nel 1991 a Palermo, dove attualmente abita. Ha studiato al Liceo Artistico e si è diplomata alla Scuola del fumetto di Palermo. Ha collaborato con vari committenti privati e, ora, con la Zap Edizioni, una piccola casa editrice siciliana, inaugura la sua carriera da autrice e disegnatrice con il fumetto “Proibito dormire”.

La storia è ambientata in un mondo fantastico abitato da bizzarre creatura divise in clan, ognuno dei quali è affidatario di compiti specifici, che possono essere svolti solo da affiliati allo stesso clan.

I due personaggi principali sono Sya, una ragazza che sogna di diventare la più famosa alchimista, e Caleb, un ragazzo affettuoso e tenace.                                                                                                         

I due protagonisti indagheranno sul perché nel loro villaggio non si dorma più da secoli. Chi si addormenta, infatti, è destinato a morire; ma, grazie all’intervento provvidenziale di Otoko, una creatura misteriosa e non ben vista dalla società, riusciranno a capire ed a svelare il mistero.

Nel villaggio esistono sei clan.

 I Capaci, che si occupano principalmente delle coltivazioni, dei campi e dell’allevamento.

Il clan degli Squama Liscia, che è composto da rettiliani di vario tipo che si dedicano generalmente al commercio ed alle attività burocratiche.

I Ferro Battente, che si riconoscono grazie al loro piumaggio e per i becchi di varie dimensioni, sono gli artigiani ed i fabbri di questa società.

Il clan dei mentori, di cui fa parte anche Sya, costituisce la classe intellettuale della comunità. Essi sono ricercatori, guaritori, alchimisti, erboristi, architetti e cartografi.

Il clan dei Pelle Robusta, di cui fa parte Caleb, si occupa della parte strategica e bellica della comunità.

Infine, il clan di Passo Svelto è formato per lo più da felini. Grazie alle loro capacità innate sono le perfette guardie cittadine.

I disegni sono bellissimi, curati nei minimi dettagli, e, grazie alla sapienza con cui usa i colori, la fumettista riuscirà a farci capire le emozioni che provano i vari personaggi.

Nel corso della storia potrai conoscere i personaggi nella loro evoluzione, nei momenti bui e nei momenti felici. E capirai che soltanto insieme sapranno affrontare i vari ostacoli che incontreranno nel loro cammino.

Secondo me, il tema portante del fumetto è la “diversità”, e penso che la fumettista sia stata molto coraggiosa a parlare di un argomento molto complesso.

Nel villaggio tutti si spaventavano di Otoko, considerato “strano, anormale e malvagio”, ma Sya saprà guardare oltre le mura delle apparenze e dei pregiudizi, e dimostrerà quale bellissima persona è Otoko.

Consiglio il fumetto a chi vuole conoscere una meraviglia tutta italiana, anzi siciliana!

Simone Billetta, 3^H- Scuola media “Leonardo da Vinci”, Palermo

 

 

Un ringraziamento speciale alla Professoressa Mariangela Bologna: è stimolante incontrare docenti ancora così appassionati, sensibili e attenti a fornire un seguito agli interessi in nuce anche del solo singolo alunno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *